generico
You are here: home » news, eventi & press » i nostri sondaggi » dov'è preferibile inviare il proprio cv?

Chi cerchiamo adesso

Invia il tuo curriculum per entrare nel nostro team

                                                                                                   

Scopri le posizioni aperte

Dov'è preferibile inviare il proprio cv?

Azienda di grandi dimensioni o azienda piccola? A questo e ad altri interrogativi ha cercato di dare una risposta l’ultimo nostro sondaggio.

Per la domanda espressamente formulata: “Qual è la tipologia di azienda a cui preferisci inviare il tuo curriculum?” è stata messa alla prova una risposta che, in prima battuta, avrebbe potuto essere data per scontata, ovvero: è preferibile lavorare in un’azienda di grande dimensioni che possa garantire con la sua, almeno teorica solidità, una certa tranquillità. E invece i dati parlano di un solo 18% di partecipanti al sondaggio che predilige questo assunto, contenuto nel primo item del sondaggio. Una percentuale comunque superiore rispetto a coloro che, invece - e parliamo qui di un più modesto 13% - sceglierebbe di default un’azienda di piccole o tutt’al più medie dimensioni.
L’attenzione per il 24,3% delle persone si concentra poi sulle buone condizioni di lavoro, indipendentemente dall’ampiezza dell’azienda. Si tratta della percentuale più ampia del complesso dei votanti. Un dato, forse, che potrebbe essere letto quale segno di una grande sensibilità riservata ai concetti di qualità della vita sul posto di lavoro. Ci sono infine altri due aspetti che sono stati indagati: la vicinanza posto di lavoro - casa, prediletta dal 21.3% dei votanti (il fattore tempo investito nella vita professionale gioca ancora un ruolo predominante?) e la piena pertinenza del lavoro svolto rispetto alle proprie competenze. Per un numero non certo esigue di persone - parliamo infatti del 23.3% di persone - la risposta “Non è rilevante la tipologia, valuto solo il ruolo professionale” parla della necessità di svolgere un compito che si giudica appropriato rispetto alle proprie aspirazioni. In linea generale, è possibile affermare che le risposte si sono spalmate in modo abbastanza omogeneo, segno dell’eterogeneità del pensiero nella porzione di popolazione attiva verso questi argomenti. 

Ulteriori indicazioni di trend proseguono dall’analisi del panel, in ordine alle questioni di sesso, età e provenienza geografica. Cominciamo dalle differenze tra uomini e donne. Gli uomini restano maggiormente attratti dall’idea di un inserimento all’interno di una grande struttura (si è espresso in tal senso il 65% di coloro che hanno optato per il primo item: “Aziende multinazionali o strutturate”). Altra sorpresa, la fetta di coloro che hanno espresso la propria preferenza per il posto di lavoro a due passi da casa, è perfettamente suddivisibile tra uomini e donne: non sono dunque solo quest’ultime ad esprimere la preferenza per una maggiore comodità. Per quanto riguarda le età dei votanti, è possibile apprezzare una propensione verso le aziende di grandi dimensioni nelle persone più mature: tutti coloro che hanno espresso un voto in tal senso avevano almeno 31 anni. Infine, hanno votato persone dalle più assortite residenze, avendo rilevato province che vanno da Varese a Lecce.
Tuttavia, un’ultima notazione è da farsi a proposito dell’attenzione rivolta alle condizioni di lavoro: le provincie di Bari, Teramo e Bari hanno lasciato emergere una più forte sensibilità al tema proposto.